fbpx

Una portineria di quartiere CINE…ma non soltanto

GORDOLA
Una iniziativa di Pro Senectute Ticino
e Moesano all’interno della Residenza al Riale

di Michele Ferrari* e Christophe Bianchi** – Pro Senectute

La Fondazione Pro Senectute Ticino e Moesano ha aperto in questi giorni a Gordola (Via San Gottardo 119 b) una nuova portineria di quartiere. Nasce così CINE… ma, un nuovo progetto sulla scia delle altre portinerie di quartiere già attive sul territorio a Morbio Inferiore (BarAtto), Mendrisio (RiTrovo), Bellinzona (ViaVai) e Sementina (ConTeSto): le iniziative rientrano nel Servizio Lavoro Sociale Comunitario che ha come obiettivo quello di sviluppare progetti aggregativi e partecipati in un’ottica di attivazione sociale, dove le persone diventano protagoniste di un cambiamento a favore della comunità: questa importante azione è coordinata con l’Ufficio Anziani e Cure a Domicilio (UACD). Altro importante lavoro svolto dal servizio grazie alla collaborazione con l’Ufficio del Sostegno Sociale e dell’inserimento (USSI), sono le misure di Attività di Utilità Pubblica (AUP), inserimenti sociali di persone beneficiarie di prestazioni assistenziali.

Le portinerie di quartiere di Pro Senectute propongono momenti di ritrovo, attività in comune e molto altro. Sono spazi aperti a tutti i cittadini in cui si cerca di creare un ambiente nel quale siano presenti accoglienza, rispetto, flessibilità, umanità, ascolto empatico, caratterizzati da atteggiamenti non giudicanti con interazioni tra diverse generazioni e diverse sensibilità e culture. La ristrutturazione del locale che ha portato alla creazione di CINE…ma, all’interno della Residenza al Riale di Alloggi Ticino a Gordola è stata effettuata utilizzando materiale di recupero, mobili e oggetti donati e valorizzati, questa semplice ma incisiva azione ha permesso l’instaurarsi di nuovi contatti con la popolazione, ma soprattutto ha favorito lo sviluppo di una sensibilità verso la cura e la sostenibilità ambientale, ben accolta ed apprezzata da tutti, in particolare dall’amministrazione che da subito è stata coinvolta.

LEGGI ARTICOLO COMPLETO pdf